Dettagli Recensione

 
Antica Pizzeria Port'Alba
 
Antica Pizzeria Port'Alba 2016-08-31 13:39:33 Locuste
Voto medio 
 
7.8
Qualità 
 
8.0
Quantità 
 
8.0
Servizio 
 
6.0
Prezzo 
 
9.0
Opinione inserita da Locuste    31 Agosto, 2016
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Recensione

Data di visita
Luglio 29, 2016
Recensione
Quando ci si siede al tavolo di un ristorante che può vantare una pagina dedicata su Wikipedia, un minimo di emozione è più che legittima. A maggior ragione se la popolare enciclopedia online lo etichetta come la "prima pizzeria del mondo", sulla base del suo anno di fondazione: 1738. E anche se oggi la pizzeria Port'Alba è stata inghiottita dal vortice dei locali notturni di piazza Bellini, il luogo dello "struscio" serale di molti napoletani, la sensazione di avere a che fare con un vero e proprio monumento storico è fortissima. Questa gloriosa tradizione non ha però trasformato il locale in una "trappola per turisti" né tantomeno in un indirizzo di lusso, come avvenuto altrove: ancora oggi menu e servizio sono la quintessenza della semplicità, e il conto rasenta l'incredibile, fermandosi ben sotto i 20 euro per una cena completa.

La pizzeria Port'Alba nasce come "centro di raccolta" dei venditori ambulanti della città: le pizze venivano sfornate all'interno del locale e poi smerciate lungo le strade, come da secolare tradizione partenopea. Nel 1830 avvenne la definitiva trasformazione in pizzeria, ma l'antica anima è rimasta ben viva e tuttora accanto all'ingresso fa bella mostra di sé un banchetto dove acquistare pizza da asporto, arancini, crocchè e altre golosità. Se invece si sceglie di sedersi al tavolo - molto comodi i tavolini esterni - bisogna accettare un po' di lentezza e qualche trascuratezza nel servizio, ma ne vale la pena: la pizza è decisamente una delle migliori mai assaggiate, lontana anni luce dalle raffinatezze della modernità ma straordinaria per freschezza dell'impasto e qualità degli ingredienti. Naturalmente la margherita domina, ma non mancano le varianti gustose, a cominciare dalla "mastunicola", inventata proprio in loco (con strutto e latte di pecora). Le altre proposte culinarie sono abbastanza trascurabili, mentre non lo è affatto la rosticceria: fiori di zucca fritti, arancini e crocché sono assolutamente da provare, attenzione però alle dimensioni ciclopiche! E come accennato, anche i prezzi da record contribuiscono a creare una patina di antichità...
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Powered by JReviews

Ricerca rapida

Regione
Provincia

Classifica

Login Form

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Credits - Nota legale