Dettagli Recensione

 
Eataly
Eataly Hot
 
Eataly 2012-05-19 13:50:32 Locuste
Voto medio 
 
8.0
Qualità 
 
8.0
Quantità 
 
8.0
Servizio 
 
8.0
Prezzo 
 
8.0
Opinione inserita da Locuste    19 Mag, 2012
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Recensione

Data di visita
Gennaio 19, 2010
Recensione
Tre piani di prelibatezze, golosità e manicaretti, un immenso supermercato unicamente dedicato ai prodotti d'eccellenza della gastronomia italiana, una serie di mini-ristoranti ciascuno riservato a una portata del pranzo, un museo unico al mondo, una sterminata varietà di birre e vini, il tutto all'insegna del "buono, pulito e giusto", l'ideale principe di Slow Food. Il Paradiso in terra, dunque? O un'abilissima operazione di marketing? Eataly (fin dal nome) è senza dubbio entrambe le cose: lo stupefacente assortimento di prodotti di qualità, i rutilanti scaffali ricolmi di prosciutti e formaggi, i banconi a cui ci si accosta per ordinare primi e secondi da consumare (se va bene) seduti su uno sgabello, sono tutti aspetti che da un lato affascinano e dall'altro intimoriscono, evocando immagini più affini a un centro commerciale che a una vecchia osteria di provincia. L'impressione generale è quella di un'atmosfera un po' artefatta e tutt'altro che distante dal modello di consumo "fast", prezzi compresi. Poi, però, si va in profondità - in tutti i sensi - e ci si accorge che questi locali, ricavati all'interno dei vecchi stabilimenti del vermuth Carpano, sono davvero un concentrato di genuino amore per il cibo e per i suoi processi produttivi; si ammirano oltre 150 varietà di salumi, 200 formaggi, frutta e verdura da ogni dove, e ci si domanda come un miracolo del genere sia potuto diventare realtà.

Venendo ai ristoranti in senso stretto, la formula è molto semplice: per ogni portata del pasto - affettati, primi, secondi di carne e di pesce, pizza, dolce e così via - è disponibile un ampio bancone a cui ordinare i piatti del giorno, generalmente 3 o 4 per volta. Si va dalle più classiche preparazioni regionali a quelle strettamente piemontesi, come gli eccellenti agnolotti dal plin al burro e salvia; gli ingredienti, comunque, sono sempre e rigorosamente certificati. Un capitolo particolare va dedicato alla carne, che proviene esclusivamente da bovini di razza "La Granda" (presidio Slow Food): paradisiaca la tagliata di manzo con erba cipollina e verdure grigliate. Si mangia direttamente seduti al bancone oppure al tavolino, a metà tra self service e ristorante vero e proprio. Di primissima qualità anche pane e vini, come il barbera Raimonda delle cantine Fontanafredda. Le porzioni non sono economiche ma decisamente soddisfacenti sul piano della quantità; quello che proprio non va è invece il servizio, tanto lento da costringere a snervanti attese soprattutto nelle ore di maggior affollamento. Peccato, ma ciò non esime dal programmare una visita a questa sorta di paese dei balocchi culinario, stando attenti a evitare il rischio-overdose...
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Powered by JReviews

Ricerca rapida

Regione
Provincia

Classifica

Login Form

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Credits - Nota legale