Dettagli Recensione

 
Galaxy Grill
 
Galaxy Grill 2012-05-21 14:52:57 Locuste
Voto medio 
 
7.4
Qualità 
 
8.0
Quantità 
 
7.5
Servizio 
 
8.5
Prezzo 
 
5.5
Opinione inserita da Locuste    21 Mag, 2012
Ultimo aggiornamento: 12 Novembre, 2015
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Recensione

Data di visita
Novembre 05, 2015
Recensione
Esperimenti culinari di dubbia riuscita nel segno dell’esecrabile stile fusion? Ennesimo tentativo di “trappola per turisti” attirati dal richiamo dell’esotismo? Viste le esperienze passate, qualche dubbio è lecito al primo approccio con il Galaxy Grill, singolare ristorante italo-iraniano-brasiliano a due passi dal centro di Gallarate. Dubbi destinati a dissolversi ben presto perché qui la musica è tutt’altra: cucina semplice, essenziale, concreta e basata quasi interamente sulla carne alla griglia, piatto forte, se non unico, della casa. E parlando di musica, da elogiare è anche l’atmosfera del locale, con i suoi ritmi latini o jazz di sottofondo e l’arredamento vivace e colorato senza essere pacchiano: un ben riuscito tentativo di coniugare le atmosfere sudamericane con un servizio puntuale e cortese.

Tutto bene, insomma, compresi i prezzi: non bassissimi ma neppure alti, se si considera che anche la costata di chianina resta al di sotto dei 45 euro al chilo. Dopo l’immancabile aperitivo a base di caipirinha (ottima) o di mojito, si passa direttamente alla carne, concedendosi al massimo come antipasto qualche stuzzichino o una tazza di brodo, peraltro ottimo. Per chi volesse concedersi una panoramica sui piatti del locale, è possibile puntare sulla grigliata mista di carne, con salamelle, culatello, pollo, agnello e picanha; disponibile anche nella versione di pesce con gamberi, scampi, seppie, calamari, pesce spada e branzino (o salmone). Altrimenti il consiglio è quello di scegliere uno degli innumerevoli piatti del menu, tutti serviti con contorno di riso o patate e tutti caratterizzati da nomi quantomeno fantasiosi.

Abbiamo così il piatto Jorge Amado, la classica picanha; il controfiletto Pancho Villa, la costata Che Guevara, la t-bone Peron per due persone, lo spiedino di pollo Cleopatra, le costine Machiavelli e così via, senza contare i piatti speciali come il “castello Chateaubriand”. Tra le tante proposte segnaliamo il filetto al pepe verde, eccellente per cottura e condimento. Assai meno articolata la proposta dei dolci, che si limitano a un discreto tiramisù, alla panna cotta - peraltro di buon livello - e al crème caramel. Ottimo invece il caffé. Capitolo vini: poche le etichette, ma ben suddivise per fascia di prezzo e per qualità. Chianti e Montepulciano d'Abruzzo sono accompagnamenti validi e senza ricarichi eccessivi.
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Powered by JReviews

Ricerca rapida

Regione
Provincia

Classifica

Login Form

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Credits - Nota legale