Dettagli Recensione

 
Osteria Rossini
 
Osteria Rossini 2012-05-25 05:48:08 Locuste
Voto medio 
 
6.5
Qualità 
 
8.5
Quantità 
 
7.5
Servizio 
 
7.5
Prezzo 
 
2.5
Opinione inserita da Locuste    25 Mag, 2012
Ultimo aggiornamento: 18 Ottobre, 2016
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Recensione

Data di visita
Ottobre 13, 2016
Recensione
Note positive e note negative, tanto per restare nell'atmosfera musicale evocata dal nome del celeberrimo compositore. Le godibili melodie, in parte originali, dell'orchestra dell'Osteria Rossini soffrono di qualche virtuosismo di troppo, ma nel complesso si fanno apprezzare nonostante il grosso handicap di un conto non adatto a tutte le... orecchie. Questo grazioso locale nell'altrettanto grazioso centro storico di Legnano fa dell'ambiente raccolto e dell'atmosfera tranquilla e raffinata i suoi punti di forza, e completa il tutto con una proposta culinaria abbastanza varia e interessante anche se a volte un po' troppo compiaciuta. Va detto che negli anni il menu si è arricchito, elevando ulteriormente il livello qualitativo del locale, e anche la cantina si è impreziosita con diverse etichette di pregio.

I prezzi, per non girarci intorno, erano e restano piuttosto alti, anche se va apprezzato il fatto che siano rimasti praticamente invariati dal tempo della nostra prima visita (nel lontano 2008). Gli antipasti vanno dagli 11 ai 18 euro con un assortimento variegato: si va dal curioso "cappuccino di baccalà" con pancake salato e bottarga di muggine all'assai meno scenografico, ma davvero ottimo, fiocco di culatello con pere colorate e pecorino toscano. Sul fronte "fusion" incuriosisce anche la tartare di tonno su crema all'avocado e frutta glassata. Decisamente più concreti i primi (11-15 euro), migliorati anche dal punto di vista della quantità: eccellente il "girasole di magro", sorta di grande raviolo con salsa di parmigiano 36 mesi e abbondante ragù di cervo. In alternativa, risotto alla bietola con oca e burrata, tagliolini al nero di seppia con gamberi, bottarga e scorze d'arancia, o ancora gnocchetti al nero di Norcia con crema di zucca e mandorle. In altre occasioni avevamo provato anche pappardelle al ragù di pescatrice o risotto al nero di seppia e pecorino.

Come si vede, la cucina spazia senza troppi freni dalla terra al mare, e lo stesso vale anche per i secondi: il fritto misto (delicato e leggero) si accompagna alla tagliata di angus australiano oppure al rombo al forno con crema di sedano e cime di rapa. Più originali la pluma iberica (peculiare taglio di suino) con puntarelle, e soprattutto il filetto al cacao amaro con broccoli e cavoli. Il pesce resta comunque un cavallo di battaglia, dal filetto di orata in sfoglia di zucchine al San Pietro al forno. Dolci non particolarmente originali, ma di qualità: la zuppa inglese in barattolo, con granella di cioccolato e mandorle, è forse un po' troppo "ruffiana" ma comunque interessante. Altre proposte: tortino di fondente con salsa all'arancia, tiramisù ai mirtilli, tortino con ricotta e uvetta. Molto fornita e ben assortita, come detto, la cantina.
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Powered by JReviews

Ricerca rapida

Regione
Provincia

Classifica

Login Form

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Credits - Nota legale