Dettagli Recensione

 
Al Pompiere
 
Al Pompiere 2015-01-27 17:34:47 Locuste
Voto medio 
 
7.3
Qualità 
 
8.5
Quantità 
 
7.5
Servizio 
 
8.0
Prezzo 
 
5.0
Opinione inserita da Locuste    27 Gennaio, 2015
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Recensione

Data di visita
Gennaio 01, 2015
Recensione
Pur trovandosi nel pieno centro di Roma, a un passo dal Lungotevere, la zona dell'antico ghetto ebraico è tra le meno conosciute e turisticizzate della capitale, e può riservare molte sorprese anche dal punto di vista gastronomico. Qui spuntano ad ogni angolo forni e panetterie dove assaggiare creazioni dolciarie dal sapore antico, e anche molti dei piatti oggi considerati tipicamente romani hanno origine da queste parti: non solo il celebre carciofo alla giudia, ma anche le puntarelle con le alici, tanto per fare un esempio. In questo contesto, il Pompiere è indubbiamente un punto di riferimento, anche se il locale posto al primo piano di un antico stabile non ha più nulla della classica trattoria: elegante e ben frequentato, il ristorante spicca più che altro per puntualità e precisione del servizio. Soprattutto, è l'indirizzo ideale per un "bigino" della cucina capitolina, vista l'impeccabile realizzazione dei piatti della tradizione. Il tutto ha un prezzo (non sotto i 40 euro per un menu completo), ma dimostra decisamente di valerlo.

Vista la location e le premesse, impossibile non concedersi per iniziare il già citato carciofo alla giudia: piatto tutt'altro che facile (il rischio di cottura eccessiva è dietro l'angolo) ma qui assolutamente inappuntabile, croccante, morbido e saporito senza la minima traccia di bruciato. Assai gustosi anche gli immancabili fiori di zucca fritti ripieni di mozzarella e alici. Il capitolo primi è di quelli che non si vorrebbero mai esaurire: spettacolari i tonnarelli cacio e pepe, ben al di là di ogni recente moda, che si affiancano ai bucatini all'amatriciana e alla carbonara, o ai più rustici rigatoni alla pajata. Ma da riscoprire sono anche piatti meno conosciuti fuori da Roma, come i tagliolini alla romana (con acciughe e pecorino) e i delicati tagliolini al limone.

Decisamente interessante anche l'assortimento di secondi, tutti direttamente riconducibili alla tradizione locale. La coda alla vaccinara è sostanzialmente perfetta per sapore e consistenza; in alternativa ecco trippa alla romana, frittura di cervella o di agnello, l'onnipresente abbacchio o il baccalà. Da non perdere, tra i contorni, le già ricordate puntarelle ma soprattutto il sorprendente torsello d'indivia, una prelibatezza. Dolci più ordinari, ma tutti artigianali: tiramisù, profiterol, crème caramel e crostate a base di ricotta. Nel vasto assortimento di vini si può optare per una produzione locale, come il raffinato Cesanese del Piglio dell'azienda Casale Vallechiesa.
Una curiosità per chiudere: si dice che il nome "Al Pompiere" derivi dal soprannome affibbiato al proprietario, incaricato di estinguere a suon di vino gli "incendi" destati nei clienti dalla sua pasta all'arrabbiata...
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Powered by JReviews

Ricerca rapida

Regione
Provincia

Classifica

Login Form

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Credits - Nota legale