Dettagli Recensione

 
Mi Viejo
Mi Viejo Hot
 
Mi Viejo 2014-12-12 17:50:00 Locuste
Voto medio 
 
7.4
Qualità 
 
7.5
Quantità 
 
8.5
Servizio 
 
6.5
Prezzo 
 
7.0
Opinione inserita da Locuste    12 Dicembre, 2014
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Recensione

Data di visita
Ottobre 29, 2014
Recensione
Praticamente impossibile non notare il Mi Viejo passeggiando per le vie - anzi, per l'unica via - di El Calafate: la sua enorme vetrina dove campeggiano tre o più agnelli allo spiedo per volta farebbe vacillare anche l'atarassia di un monaco tibetano. Non a caso, il ristorante continua a riscuotere grande successo e da qualche tempo ha aperto una "filiale" anche a El Chalten, il paesino che fa da base alle escursioni sulla catena montuosa del Fitz Roy. Il locale è sempre affollatissimo, ma trovare posto non è difficile: il servizio è veloce e il ricambio della clientela continuo. L'interno mantiene esattamente ciò che l'esterno promette: carni prelibate a profusione, con l'agnello al posto d'onore, pregiati vini argentini e poco altro. Prezzi onesti.

Anche se arredamento e servizio sono più formali di quanto ci si aspetterebbe da una griglieria, come detto non c'è tempo da perdere in convenevoli: dopo l'immancabile salsina da spalmare sul pane (ottima) si passa subito al piatto forte. Al massimo ci si può concedere un piccolo antipasto, scegliendo ad esempio la curiosa liebre en escabeche, in cui però il sapore della lepre è quasi interamente cancellato dall'aceto, oppure la provoleta (formaggio arrostito). Poi, spazio alla carne: l'agnello la fa da padrone, nel semplice cordero asado o nella versione "alla Mi Viejo", con salsa di funghi e patate. Ma la scelta migliore è forse quella di affidarsi alla splendida parrilla mixta, che riunisce tutto: dai tagli di manzo più pregiati come bife de chorizo e matambre alle salsicce e al sanguinaccio (morcilla), fino a rognoni e interiora, vere e proprie delizie per gli amanti del genere. Il tutto servito su una capiente griglia da tavola e in porzioni davvero ciclopiche.

Il menu di fatto si ferma qua, ma è impossibile resistere agli ottimi vini della cantina: dominano come sempre i Malbec, tra cui segnaliamo quello della bodega Postales del Fin del Mundo, dalla remota regione di Neuquen.
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Powered by JReviews

Ricerca rapida

Regione
Provincia

Classifica

Login Form

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Credits - Nota legale