Il Capestrano Il Capestrano

Il Capestrano

Indirizzo

Via / piazza
via G.F. Pizzi 14
Città
Milano
Regione
Lombardia
Provincia
Milano

Informazioni

Giorno di chiusura
domenica
Orari
mezzogiorno e sera
Coperti
80
Prezzi
55-60 €
Carte di credito
Note
Prenotazione consigliata

Contatti

Telefono
02-5693345
FAX
02-56610579
Sito internet
E-mail
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Image Gallery

Il Capestrano
Il Capestrano
Il Capestrano
Il Capestrano

Opinione autore

Il Capestrano 2020-09-30 15:25:35 Locuste
Voto medio 
 
7.0
Qualità 
 
9.0
Quantità 
 
8.0
Servizio 
 
8.5
Prezzo 
 
2.5
Opinione inserita da Locuste    30 Settembre, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Recensione

Data di visita
Settembre 16, 2020
Recensione
È difficile gustare a Milano la cucina abruzzese più genuina (e, secondo i locali, non è facilissimo neppure in Abruzzo): al di là di un paio di indirizzi "storici", sono pochi i ristoranti in grado di proporre un menu al contempo rispettoso della tradizione e attento alla qualità delle materie prime. Quest'ultimo, però, è sicuramente il caso del Capestrano, legato alle radici fin dall'insegna: nome e logo, infatti, si ispirano al famoso Guerriero di Capestrano, antica scultura rinvenuta in Abruzzo che testimonia le origini del popolo italico. Insomma, da queste parti il rispetto per le specialità regionali - rigorosamente descritte in dialetto - è sacro, e anche l'ambiente (elegante, ma dal sapore vagamente rurale) lo testimonia. Certo, tutto questo ha un prezzo ed è piuttosto elevato, superiore ai 55 euro per un pasto completo; inevitabilmente il conto incide sul giudizio finale, anche se siamo davvero di fronte a uno di quei casi in cui ogni euro è ben speso.

Fin dagli antipasti (10-14 euro) si respira profumo d'Abruzzo: ci sono le classiche pallote cacio e ova (polpette di pane raffermo con uovo, formaggio e salsa al pomodoro), il pane di Avezzano con la scamorza, la pizz' e foje (pizza di granturco con verdure, tra cui il peperone dolce di Altino, presidio Slow Food). E poi ci sono formaggi e salumi, tra cui si segnala la ventricina nelle sue due versioni: quella del vastese (a fette) e quella teramana (spalmabile). Tra i primi (14-15 euro) assolutamente da non perdere le tagliatelle aquilane al ragù bianco d'agnello, con limone, ginepro e pecorino di Castel del Monte, ma anche i cazzellitt' di Scanno (gnocchetti con cime di rapa, alici e peperoncino); nella stagione giusta si possono gustare anche zuppe e minestre come le tipiche sagne con i fagioli.

Ovviamente tra i secondi domina la brace, e sulla brace dominano gli arrosticini: rigorosamente fatti a mano e a base di carne di pecora, davvero spettacolari (14 euro per 6 pezzi). Ma altrettanto saporiti sono l'agnello arrosto (24 euro) e le costine di pecora (18 euro) con laccatura all'aceto, miele ed erbe. In alternative, pecora "aj'e cotture" (stracotto alle erbe), trippa alla pennese e persino tartare di pecora. Non sono da meno i dolci (6-10 euro), dal classico parrozzo alla "pizza doce", sorta di versione abruzzese della zuppa inglese, senza tralasciare il tiramisù all'abruzzese e gli originali gelati, come quello allo zafferano. Infine, come digestivo non può mancare un bicchierino di genziana, amarissima e aromatica.

Abbiamo lasciato per ultima la carta dei vini, ma non perché meriti meno attenzione: vi sono rappresentate tutte le principali cantine della regione, da Emidio Pepe a Masciarelli passando per Pasetti e Marramiero. Consigliato, per rapporto qualità-prezzo, l'Ilico delle cantine Illuminati.
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

Ricerca rapida

Regione
Provincia

Login Form

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Credits - Nota legale